Ignazio Marino: ex sindaco assolto per il caso “scontrini”

Ignazio Marino: ex sindaco assolto per il caso “scontrini” Dopo l’archiviazione per 116 indagati e politici richiesta dalla procura di Roma al Gip nella max inchiesta su Mafia Capitale e l’assoluzione di 15 imputati (tra cui l’ex governatore Roberto Cota) nel caso “Rimborsopoli” della regione Piemonte, anche l’ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, è stato assolto per il “caso scontrini”. Ignazio Marino: ex sindaco assolto per il caso “scontrini” Ignazio Marino era imputato per i reati di falso, truffa e peculato nel contesto di due vicende giudiziarie, per cui, l’ex primo cittadino aveva chiesto il rito abbreviato. Come riporta il Fatto Quotidiano, il reato di falso e truffa era stato ipotizzato dall’accusa nel contesto delle consulenze affidate alla Onlus Immagine, di cui Marino è presidente. Come ricostruito il giornale diretto da Marco Travaglio, secondo i Pm, la Onlus avrebbe truffato l’Inps mettendo in atto assunzioni fittizie nel periodo compreso tra il 2012 e il 2014. Come spiegato dall’Ansa, poi, l’ex sindaco avrebbe chiesto, tra il 2013 e il 2015, la predisposizione di certificati destinati a collaboratori fittizi o inesistenti, procurando alla sua Onlus un ingiusto profitto di 6.000 euro. Erano finite sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti con l’accusa di peculato, invece, 56 cene (per... View Article