•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 11 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Sondaggi USA 2016: la situazione all’11 ottobre

Donald Trump e Hillary Clinton sondaggi usa 2016 intenzioni di voto situazione e previsioni 11 ottobre stati in bilico

Sondaggi USA 2016: la situazione all’11 ottobre

Hillary Clinton mette all’angolo Donald Trump. Questo potrebbe essere il sunto dell’analisi delle poche – ma decisive – variazioni occorse nel trend dei sondaggi USA dell’ultima settimana in vista delle elezioni presidenziali dell’8 novembre.

In attesa di valutare più compiutamente sia gli effetti del video sessista che ha visto implicato il tycoon repubblicano (e che ha messo in subbuglio un establishment repubblicano mai troppo innamorato di Trump) sia del secondo duello tv tra i 2 candidati – andato in scena domenica notte – si può notare come l’ex first lady stia provando ad ipotecare la corsa verso la Casa Bianca.

LEGGI ANCHE – Presidenziali USA: il calendario con tutte le date

Innanzitutto, il trend dei sondaggi svolti sul piano nazionale vede la Clinton incrementare il proprio vantaggio su Trump, un gap che ora consta di 5-6 punti, sia nell’analisi di un duello a 2 sia comprendendo i principali candidati minori (come il libertariano Gary Johnson e la verde Jill Stein).

LEGGI ANCHE – Chi è Gary Johnson, candidato del Partito Libertariano

LEGGI ANCHE – Chi è Jill Stein, candidata del Green Party

Sondaggi USA 2016: poche ma decisive variazioni

Un distacco che trova riscontro anche nell’analisi dei sondaggi USA condotti negli swing states, gli Stati più in bilico che potrebbero orientare in maniera decisiva l’esito delle elezioni presidenziali.

sondaggi usa swing states 11 ottobre

Sono appena 3 le variazioni degne di rilievo: Arizona, Pennsylvania ed Ohio. Di queste, sebbene le prime due non cambino il trend di fondo – che vede avanti rispettivamente Trump in Arizona e Clinton in Pennsylvania – le oscillazioni starebbero in realtà premiando l’ex first lady.

LEGGI ANCHE – Cosa (e quali) sono gli swing states

In Arizona, per esempio, alcuni degli ultimi sondaggi condotti – come per esempio quello dell’Emerson College – vedono nuovamente far capolino l’ex first lady, dopo settimane di dominio incontrastato di Trump. Tuttavia, la gran parte dei sondaggi continua a dare il candidato GOP avanti, ragion per cui la tendenza di fondo resta – seppur in calo – a favore del tycoon.

Viceversa, in Pennsylvania il vantaggio a favore della Clinton potrebbe presto diventare incolmabile. Gli ultimi sondaggi sembrano incoronare definitivamente l’ex first lady: l’affidabile Marist College, per esempio, le assegna un vantaggio di ben 12 punti su Trump. Un gap che – se confermato nelle prossime settimane – potrebbe addirittura far uscire prima del previsto la Pennsylvania dalla ristretta lista di swing states, spostandola in quella dei safe states (cioè sicuri, salvo clamorosi ribaltoni) democratici.

elezioni usa 2016 presidenziali banner logo tp

Simbolicamente – ma non solo – risulta però ancor più importante il recente trend che riguarda l’Ohio, lo swing state per eccellenza, vinto ininterrottamente dal 1960 in poi dal candidato che poi avrebbe conquistato la Casa Bianca. Le ultime rilevazioni di Monmouth, Ipsos e YouGov sembrano concordi nel vedere avanti la candidata dem, con un vantaggio che oscilla tra i 2 ed i 4 punti. Uno smacco per Trump, che stando all’analisi dei sondaggi delle ultime settimane sembrava potesse affermarsi di misura nello Stato del midwest.

Si era detto di “poche” ma “decisive” variazioni. Il “poche” è confermato dalla mappa elettorale aggiornata Stato per Stato, che non presenta alcuna variazione di fondo, con Clinton stabile a 272 Grandi Elettori – tra safe states dem e tendenzialmente dem – e Trump a 198, con 68 Grandi Elettori ancora in bilico.

sondaggi usa situazione e previsioni all'11 ottobre mappa elettorale

Tuttavia, quel movimento di fondo registrato negli ultimi giorni potrebbe dar luogo a variazioni “decisive”. Una Pennsylvania sempre più democratica vorrebbe infatti dire (per la Clinton) avere la certezza di assicurarsi un prezioso quanto cospicuo bottino (20 Grandi Elettori), strappandolo così al tycoon GOP, un aspetto oltremodo confortante se si considera come all’election day manchino ormai appena 4 settimane.

Al tempo stesso, il valore simbolico dell’Ohio – oltre che sostanziale, in virtù dei 18 Grandi Elettori che mette in palio – e un trend nuovamente a favore della Clinton potrebbero distruggere definitivamente qualsiasi sogno di presidenza da parte di Trump. Il tutto in attesa dell’ultimo duello tv, previsto per il 16 ottobre.

Condividi su

Pubblicità

La domanda del giorno

Presidenziali Usa 2016: Secondo voi chi ha vinto il secondo dibattito andato in scena ieri sera?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Rifiuti e raccolta differenziata: clicca sui bidoni e fai il quiz!

Quiz Rifiuti

Termometro delle Voluttà

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

articolo scritto da:

2 comments
Paolo Poio Sabbioni
Paolo Poio Sabbioni

Ma solo io ho visto il dibattito è ho provato entrambi ridicoli? Trumb non sa un cazzo su praticamente qualsiasi cosa e continuava a attaccare Messicani e Cinesi, la Clinton attaccava Trump con questioni che di politica non centravano nulla e dava la colpa ai Russi e i Cinesi Per i resti hanno passato il tempo a insultarsi a vicenda e a ingraziarsi le minoranze etniche

Gianni Bocelli
Gianni Bocelli

Questi sondaggisti . .poi a voto scrutinato..si pero', non abbiamo tenuto conto ,sembrava che ,è stata una sorpresa inaspettata. .sempre così