•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 11 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Sondaggi PD: dem in difficoltà, M5S si avvicina

sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre

Sondaggi PD: dem in difficoltà, M5S si avvicina

Il PD annaspa ed il M5S si mette in scia, pronto ad un nuovo sorpasso. Questo lo scenario illustrato dall’ultimo sondaggio elettorale condotto da EMG per il TG LA7, che analizza le intenzioni di voto nazionali degli italiani.

Secondo l’istituto, il PD perde 3 decimi, scendendo al 30.7%. Contestualmente, il M5S ne guadagna altrettanti, riducendo così il gap complessivo di 6 decimi: ora il distacco tra i due partiti è di appena mezzo punto.

sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre

Dietro di loro, la Lega Nord si conferma il partito leader del centrodestra, guadagnando 2 decimi ed attestandosi al 12.8%, approfittando anche del calo di Forza Italia, che perde oltre mezzo punto e scende al di sotto dell’11%. Stabile Fratelli d’Italia, mentre piuttosto irrisorie sono le variazioni che riguardano Sinistra Italiana e Area Popolare NCD-UDC.

sondaggi politici elettorali

Sondaggi PD: dem in difficoltà, ottima salute per il M5S

Il centrodestra compatto sembra andare meglio, guadagnando complessivamente 4 decimi. Tuttavia l’area moderata resta ancora ben 2 punti e mezzo dietro al Movimento 5 Stelle, che avanza di oltre mezzo punto e si porta a 4 decimi dal PD, che arretra di 5 decimi.

sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre

Il buon momento di forma del M5S è confermato dai ballottaggi, in cui risulta vincente ed incrementa il proprio vantaggio, sia contro il PD (7 punti di distacco) sia contro il centrodestra (che è oltre 14 punti dietro).

sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre ballottaggio sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre ballottaggio

 

Magra soddisfazione per il PD, che in caso di 2° turno contro il centrodestra vincerebbe di oltre 4 punti e mezzo, un distacco però in calo di oltre un punto e mezzo rispetto al sondaggio della settimana scorsa.

sondaggi pd emg intenzioni di voto 10 ottobre ballottaggio sondaggi emg 10 ottobre nota informativa

 

Condividi su

Pubblicità

La domanda del giorno

Presidenziali Usa 2016: Secondo voi chi ha vinto il secondo dibattito andato in scena ieri sera?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Rifiuti e raccolta differenziata: clicca sui bidoni e fai il quiz!

Quiz Rifiuti

Termometro delle Voluttà

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

articolo scritto da:

19 comments
Basilia Belingheri
Basilia Belingheri

non voglio pensarci che vinca il pd ma con i soldi comprano il voto

Alessandro Moretti
Alessandro Moretti

Grullini che si lamentano dei sondaggi pilotati oggi ne abbiamo?

Leonardo Spataro
Leonardo Spataro

Come previsto adesso cambiare l'italicum è una necessità del PD. Altrimenti al ballottaggio è vittoria 5 stelle. Parlamentari pd guidati da un #raccontaballe di nome Renzi.

Cristiano Giraudi
Cristiano Giraudi

53 contro 46 un Gap abbastanza difficile da recuperare... chissà se il m5s riuscirà a proporre una buona squadra di governo o se ci sarà una Roma 2.0

Filippo Frizzi
Filippo Frizzi

Il M5S non governerà mai (per sua volontà e per nostra somma fortuna).

Franco Gentile
Franco Gentile

Se si arriverà al momento che Bersani e soci lasceranno il PD ese possibile daranno vita ad un altra formazione politica simile all'Ulivo penso che il M5S ne subirà le conseguenze.

Cristiano Giraudi
Cristiano Giraudi

Palazzi non sono dubbi legittimi? Alle elezioni 2013 non avevano uno straccio di candidato per l'eventuale governo, in questi tre anni si sono conosciuti e spero siano emerse competenze tali da averne, altrimenti sarà un tecnico...

Matteo Raffo
Matteo Raffo

Prima c'è un referendum, dovesse vincere il no l'unica possibilita per andare al governo sarebbe quella di fare alleanze con altre formazioni.

Cristiano Giraudi
Cristiano Giraudi

La cosa divertente e che un governo che non si crea potrebbe destabilizzare l'Italia al punto da richiedere un tecnico, i Grillini prima scioglierebbero la riserva con il presidente in chiave negativa e poi urlerebbero al governo non eletto.

GiuseppeMarasco
GiuseppeMarasco

solo se ci saranno nomi di peso come Rodotà e se sarà credibile, altrimenti i 5 stelle non ne risentiranno, ne risentirà comunque il pd.

Domenico D'Ambrosio
Domenico D'Ambrosio

Nel M5S ci va tutto lo scontento degli altri partiti secondo me... è normale che crescono quando non sono al governo. Anche perché nessuno ha remore ideologiche nel votarli, in quanto non sono né di destra né di sinistra secondo il vecchio schema.

Franco Gentile
Franco Gentile

Stefano Hd Piras La sinistra italiana è morta con Nenni,Togliatti e Berlinguer!

Domenico D'Ambrosio
Domenico D'Ambrosio

Diciamolo chiaramente. Finito il Comunismo come modello economico alternativo cosa resta? Il liberismo. Fino al 1990 la Sinistra poteva dirsi un alternativa vera perché aveva un altro modello economico di riferimento. Certo è vero che Berlinguer aveva distinto i due mondi e parlato di comunismo europeo, ma vi era comunque una giustificazione storica che portava il PCI ad avere la sua peculiarità nell'arco costituzionale. Oggi Sinistra e Destra sono finiti come ideologie politiche autonome (perché non diciamo solo che la Sinistra è morta ma anche la Destra è morta dato che il nazionalismo non è più giustificabile da un punto di vista storico). Oggi le politiche economiche sono ispirate agli indici del mercato, al grado di benessere economico e al miglioramento della vita dei cittadini.

Francesco Muniz Miranda
Francesco Muniz Miranda

Che la sinistra europea sia in crisi di identità è palese, ma non direi che non ci sia differenza. Il criterio è lo stato sociale e la spesa pubblica: chi li vuole espandere è di sinistra, chi li vuole contrarre è di destra. Con questo criterio, ne viene fuori che in Italia (ed in buona parte dell'Europa) è la destra a non esistere, non la sinistra. Forze che chiamiamo di "estrema destra" come il FN in Francia o la Lega in Italia rientano, in realtà, nel grande alveo della sinistra statalista.

Giuseppe Marasco
Giuseppe Marasco

La destra o la sinistra è un concetto ormai buono solo per affibbiare vuote etichette, i partiti si giudicano non da come si chiamano ma da le leggi che approvano, ebbene il PD ha tolto in tre anni i diritti "vedi jobs act, art. 18 , legge fornero"conquistati in 60 anni di lotte senza che i sindacati proclamassero un ora di sciopero, ebbene queste leggi sono tutte di destra ultraliberista. Poi alle feste dell'Unità cuociono le salsicce, ti chiamano compagno e mentre tu ti distrai ti tolgono i diritti, uno dopo l'altro, piano piano senza che tu ti accorga di niente.

Domenico D'Ambrosio
Domenico D'Ambrosio

Il punto è che a parole dovrebbe essere così. Sinistra pro-spesa pubblica, detassazione dei redditi medio bassi, agevolazioni agli indigenti, destra che abbassa le tasse, neutrale in economia (cioè che taglia scuola, sanità), con un occhio di riguardo per le condizioni di attrattività finanziaria del Paese. Tuttavia oggi le armi sono spuntate: la leva monetaria (quella che permette di calmierare i tassi di interessi e mantenere la finanza pubblica e quella privata in equilibrio) è a livello centrale europeo e il deficit spending anch'esso è limitato dal parametro del 3%. Questo incide sia sulle politiche di destra, che sulle politiche di sinistra (un po' più su quest'ultime data la situazione dei conti italiani). In tutti i casi, oggi destra e sinistra vengono, secondo me, meglio sostituiti da termini come "europeisti" e "anti-europeisti" se guardiamo all'Europa, "globalisti" e "anti-globalisti" se guardiamo al Mondo. In un mondo in competizione economica e non più diplomatico-ideologico-militare i nuovi parametri sono valutabili con un + e un - nella Bilancia commerciale. Questo non vuol dire però che i valori della Sinistra tradizionale siano fuori da questo orizzonte. Semplicemente sono subordinati ad esso. Mi viene in mente la Germania. Un Paese ricchissimo, pienamente in linea con l'utopia europea e globalista, ma con uno Stato sociale tra i più efficienti del mondo. Incoerenza? Certo che è questo alla base della dissociazione della Sinistra, secondo me.