•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Referendum: il jolly è l’ Italicum?

Renzi, referendum

Referendum: il jolly è l’ Italicum? 

Continua la sfida tra partitari ed oppositori alla riforma costituzionale. Partendo dal presupposto che l’esito è fortemente in bilico (come si può evincere dalla maggioranza dei sondaggi), ogni carta da giocare – per fautori e non – può essere quella giusta, per spostare gli equilibri a favore del “si” o del “no”. Ma la partita non si gioca solo sul campo puramente elettorale. Le dinamiche istituzionali e gli accordi di partito potrebbero essere determinanti per far mobilitare una gran parte dell’ elettorato ancora indeciso.

Matteo Renzi, Matteo Salvini, fotomontaggio con a sinistra la foto del premier renzi in giacca e cravatta e affianco il segretario della lega salvini con camicia celeste

Referendum, la vertente elettorale: Il discorso della campagna del ‘si’ e del ‘no’

La campagna per il “si” del governo Renzi si è dimostrata flessibile, capace di rimettere in discussione l’ esito di un referendum che, fino a pochi mesi fa, sembrava indirizzato verso una bocciatura piena. La scelta di personalizzare il referendum non ha pagato, in quanto le opposizioni hanno fatto scudo e alimentato una “narrativa” del referendum estremamente vantaggiosa per i fautori del “no”. La gran coalizione di centro-destra (da un lato) e il Movimento 5 stelle (dall’altro) hanno approfittato della personalizzazione del referendum per far “saltare il banco”, forti delle promesse fatte a cuor leggero dal premier Renzi (il quale ha affermato in più di una occasione che – in caso di una vittoria del no – avrebbe rassegnato le proprie dimissioni). Certamente, comprendendo che la via della personalizzazione del referendum avrebbe condotto a un pressocchè certo suicidio politico, l’ ex-sindaco di Firenze è riuscito a cambiare, poco alla volta, le carte in tavola. Attraverso una attenta e metodica campagna mediatica di spersonalizzazione, il premier ha spostato la sfida sul campo dei contenuti, pur mantenendo – ovviamente – la componente elettoralistica. Attraverso questo cambio di prospettiva, il “si” è riuscito a recuperare qualche punto sul “no”, forti di due strateghi eccezionali come Jim Messina e David Hunter.

Jim Messina

Jim Messina

Referendum, la vertente istituzionale: l’ italicum è l’asso nella manica di Renzi

Con il “si” in rimonta sul “no”, si apre un ventaglio di opportunità per Renzi e il PD. Con le solite spaccature all’ interno del Partito Democratico, un ricompattamento – anche se temporaneo – favorirebbe gli indecisi schierati ideologicamente verso la sinistra moderata a votare per il “si”. Il “pomo della discordia”, l’ Italicum, potrebbe tramutarsi nell’ asso della manica di Matteo Renzi. In primo luogo, ricompattare il partito in un momento così delicato per la vita del Paese, rappresenterebbe un atto di forza e capacità politica non indifferente. Gli strascichi della personalizzazione iniziale del referendum potrebbero favorire gli indecisi a votare per la riforma costituzionale, convinti dalla capacità del premier di “serrare le file” e garantire la stabilità governativa. Allo stesso tempo, coloro che si identificano nell’ ala dissidente e minoritaria del PD, potrebbero essere convinti dai propri leader di riferimento. Anche una semplice “moderazione dei toni” potrebbe essere sufficiente per disincentivare il “no” degli schierati a sinistra. Un ragionamento analogo può essere fatto per la destra conservatrice, in questo momento in affanno di voti e con pochissime chance di arrivare al governo nel caso di mantenimento dell’ attuale legge elettorale: l’ italicum, per l’ appunto. Un’intesa di massima su qualche cambio decisivo – come una rivalutazione del premio di maggioranza – riavvicinerebbe i due schieramenti (di centro-sinistra e centro-destra) tagliando fuori, con quasi assoluta certezza, Movimento 5 stelle e Lega Nord.

Renzi, referendum

Dovesse vincere il “no”, a prescindere dalle dichiarazioni di Renzi – che ha stigmatizzato sulle sue eventuali dimissioni – potrebbero portare, in ogni caso, a una forte crisi di governo. In un periodo in cui tutte le maggiori imprese demoscopiche danno per sfavorita la coalizione di centro-destra, questa non avrebbe alcun interesse nel tornare immediatamente alle urne. La prospettiva di essere “stritolata” da una Lega Nord in auge (a destra) e da un Partito Democratico pur sempre vivo (a sinistra) non è per nulla allettante. Per le stesse ragioni, le fuoriuscite minoranze del PD (dal Possibile di Civati a Sinistra Italiana di Fassina) potrebbero rischiare di perdere il loro attuale peso politico per via del gran premio di maggioranza, che garantirebbe a Renzi di governare con molta più libertà dai vincoli della “sinistra più a sinistra del PD”. Ciò che ne risulta è, possibilmente, uno stallo a tre, ovvero il “mexican standoff” – di quelli tanto cari a Leone e Tarantino – in cui nessuno (tra PD, minoranza di sinistra e coalizione di destra moderata) può portare a casa il massimo risultato, senza dover cedere qualcosa a cambio. Renzi sembra aver trovato la quadratura del cerchio ed è pronto a sfoderare il suo asso nella manica. L’ Italicum è di nuovo sul tavolo, a scapito della “governabilità e stabilità” che tanto ha decantato. Governabilità e stabilità hanno ovviamente un prezzo, che è… dire si.

Condividi su

Pubblicità

La domanda del giorno

Presidenziali Usa 2016: Secondo voi chi ha vinto il secondo dibattito andato in scena ieri sera?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Rifiuti e raccolta differenziata: clicca sui bidoni e fai il quiz!

Quiz Rifiuti

Termometro delle Voluttà

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

articolo scritto da:

12 comments
Arcuri Adriano
Arcuri Adriano

Il si deve passare, con le buone oppure con le cattive, le lobby s uncazzano le multinazionali s incazzano ,, non deve vincere il no , non possono fare profitto.

Giuseppe Chiassolini
Giuseppe Chiassolini

Oliviero Beha In mezzo alle chiacchiere da annuncite e paraculite ormai spesso si distinguono le magagne fattuali. Risparmiare con la Riforma sulla politica è una balla circoscritta e contraddetta dal resto. Per favore smettiamola di stare dalla parte di Renzi, o contro di lui, stiamo dalla parte dei fatti. E i fatti dicono che ci sta prendendo per i fondelli da un pezzo, e non riesce neppure a farlo bene, perché viene regolarmente scoperto. Dedicato a tutti quelli che lo difendono per interesse, collusione, collisione mentale, debolezza, dubbio (“ma se va via lui chi viene?”), indisponibilità autentica verso il futuro.

Adriano Sperindio
Adriano Sperindio

Per forza vuoi cambiare l'italicum,ai ballottaggi vincerebbe i M5s.Ti ricordi quando hai messo la fiducia per approvare l'italicum ?Adesso ti rimangi tutto!

Alfredo Rota
Alfredo Rota

Ma come, ragazzi, dove sono quelli del 40% che lo hanno votato (come sempre senza sapere il perché) alle Europee? E quelli che invocavano di mandare a casa le Provincie, il Senato, le Partecipate ecc. ecc. Non lo avete ancora trovato il centro di gravità permanente citato da Battiato?

Grazia Betto
Grazia Betto

ORMAI NON TI CRDIAMO Più, BASTA DI QUESTI TRUCCHETTI, NON INCANTANO Più.

Antonio Pellegrino
Antonio Pellegrino

Non credo. Gli italiani sapranno difendere democrazia e costituzione dalla scelleratezza di questa riforma. Come del resto, tutti i sondaggi dicono

Luciano Lupaccini
Luciano Lupaccini

Quali sondaggi? L unico vero da cinque punti di vantaggio al SI il No a forza di far parlare Travaglio sta perdendo quota alla grande e dopo la figuraccia di ieri sera di Salvini la distanza aumenterà al prossimo rilevamento

Pellegrino Vigorita
Pellegrino Vigorita

mancette gli Italiani non ne vogliono più.....faccia il parolaio anzichè il premier

Antonio Pellegrino
Antonio Pellegrino

Ha finito. Verrà travolto dai #NO. Può promettere qualsiasi cosa, gli italiani ormai hanno capito.