•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Economia mondiale, la mappa del mondo diviso in 4 aree con lo stesso PIL

economia mondiale, mappa del mondo colorato in vari colori

Economia mondiale, la mappa del mondo diviso in 4 aree con lo stesso PIL

Per capire quanto il mondo è ancora, nonostante la globalizzazione, molto diseguale, quanto le differenze tra le economie mondiali siano amplissime, abbiamo bisogno di una rappresentazione grafica, di delle mappe.

Siamo infatti abituati a sentire che la Cina e l’India, e il resto dell’Asia, crescono a ritmi n volte i nostri, così come l’Africa subsahariana, eppure non abbiamo forse chiaro quanto sia ancora enorme la distanza in termini di PIL tra i Paesi industrializzati e quelli in via di sviluppo.

E’ invece più facile comprenderlo se guardiamo una mappa in cui il mondo è diviso in 4 aree con pari PIL

Economia mondiale, il PIL degli USA uguale a quello di Sudamerica, Africa, India, Russia, Est Europa, Medio Oriente

Dalla mappa di vividmaps.com vediamo come per pareggiare il PIL dei soli USA si debbano unire Sudamerica, Africa, India, Russia, Est Europa, Sud Est asiatico, Oceania.

Miliardi di persone che producono la stessa ricchezza di 330 milioni di americani.

Lo stesso PIL viene prodotto dall’Europa Occidentale più Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e dal Canada.

L’altro polo della ricchezza è quello orientale: Cina, Corea del Sud, Giappone, Filippine insieme bastano a pareggiare gli USA.

E’ evidente più che mai quindi quali sono i tre pilastri dell’economia mondiale. Quello che rimane fuori è quel 25% di altri Paesi che però sono gli stessi che ad oggi più crescono, si veda il caso dell’India.

economia mondiale, mappa del mondo colorato in vari colori

Condividi su

Pubblicità

La domanda del giorno

Presidenziali Usa 2016: Secondo voi chi ha vinto il secondo dibattito andato in scena ieri sera?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Rifiuti e raccolta differenziata: clicca sui bidoni e fai il quiz!

Quiz Rifiuti

Termometro delle Voluttà

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

articolo scritto da:

12 comments
Mario Rossi
Mario Rossi

Il PIL dell'Italia è equvalente a quello di Russia più Turchia, pero' loro se lo dividono tra 230 milioni di persone. Possibile facciano tutto sto casino sti morti di fame?

Ruggero Collard
Ruggero Collard

Io leggo molto i giornali indipendenti e molti riferiscono che l'economia USA é un enorme bluff e che si prevede un colossale default come lo fu per le banche nel 2007....Inoltre,politicamente e socialmente gli USA attraversano un periodo molto poco rassicurante sul loro futuro....molti stati,sopratutto del sud sono stufi di come Washington governa e non posso che dar loro ragione.

Sergio Hóng Radano
Sergio Hóng Radano

E' la Cina la prima economia mondiale, basta la Cina per pareggiare e superare il PIL degli Stati Uniti. Termometro Politico scrivete cagate per hobby o vi pagano per farlo?

Marco Forcella
Marco Forcella

Omg, ma non bisogna essere laureati in economia per comprendere che l'articolo è quantomeno fuorviante. La Cina dal 2014 è la prima economia mondiale, in pochi anni doppierà il pil americano. L'economia americana rivela continuamente di essere arrivata da tempo al giro di boa... ci sono molti segni di questo andamento... 50 milioni di poveri e poverissimi nel territorio US, continuo finanziamento di rivoluzioni colorate e guerre da parte delle multinazionali delle armi per far respirare un industria che nn riparte e che per automatizzazione e delocalizzazione espelle migliaia di lavoratori dal circuito. 20 TRILIARDI di debito (detenuto dalla Cina) arginati con guerre di cui sopra, continua stampa di dollari, azioni virtuali in borsa. Il futuro è tutto in Eurasia e la dinamica è evidente da tempo, la Russia rinasce malgrado le sanzioni (assolutamente pretestuose di washington) l'India ha una crescita enorme come la Cina, il resto tigri asiatiche... risorse russe e know how europeo. Ovviamente le elite che finanziano i media sono ben radicate nell'impero USraeliano Saud... Soros, e lo riscontriamo anche da articoli come questo, ma il mondo va e guarda altrove.

Michele Busi
Michele Busi

Comincia con "non bisogna essere laureati in economia" e prevedibilmente dimostra di non sapere nulla di economia.

Marco Forcella
Marco Forcella

Michele Busi argomenta e confuta quello che ho riportato, se sai qualcosa di economia e geoeconomia.

Carlo Massarotto
Carlo Massarotto

Nel 2014 gli Usa avevano un PIL di 17.400 milioni di dollari usa, la Cina di poco più di 10.000, secondo i dati della Banca Mondiale. La Cina deve ancora pedalare un po'. La Russia rinasce? Il suo PIL è in calo dal 2015, dal 2013 aveva tassi di crescita ormai infinitesimali.

Marco Forcella
Marco Forcella

Suvvia state sereni, e non disinformatevi sulle veline dello zio Sam, il vento è cambiato è inutile fare gli struzzi.

Michele Busi
Michele Busi

Guarda, di rispondere a tutto sinceramente non mi va, rispondo solo a un dato che hai citato come presunto segno del declino dell'economia USA, cioè i 50 milioni di poveri e poverissimi. Si stima che in Cina ci siano circa 90 milioni di persone che vivono con meno di 1,90$ al giorno (a parità di potere di acquisto). Ad ogni modo il punto è che la povertà è una misura relativa e non assoluta, e va maneggiata con cautela quando si confronta tra paesi diversi. Non ti rispondo nemmeno sul fatto che gli Stati Uniti farebbero guerre in giro per il mondo per far respirare la propria economia, visto che la guerra in Iraq da sola è responsabile di circa il 10% dell'intero debito pubblico, ed è stato il più grande disastro di politica estera dai tempi della guerra in Vietnam.

Marco Forcella
Marco Forcella

Gli Stati Uniti continuano a farle perchè il congresso è dominato dalle lobby delle armi (30% del pil) c'è la questione delle risore, gli alleati i ferro sauditi hanno questa bivalenza whabiti e finanziatori dell'islam radicale in tutto il pianeta e ptrolieri degli americani (lo shell oil non basta), oltretutto la spectrum dominance che non raggiungeranno li rende nervosi e come sempre pericolosi per gli altri cioè noi. Sulla povertà chi ha visto con i propri occhi non ha parlato di un gran bene...

Marco Forcella
Marco Forcella

Ma cosa producono gli Usa a parte armi e cellulari, ampiamente superati da quelli coreani e cinesi. In qualunque paese europeo cosa leggi nelle etichette dei prodotti? Made in china. Si meglio lasciar perdere, i super eroi non la prenderebbero bene