•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 10 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Nuovo ISEE, crolla dal 66,8% al 14,1% la proporzione nullatenenti, specie al Sud

nuovo isee, istogrammi di colori diversi

Nuovo ISEE, crolla dal 66,8% al 14,1% la proporzione di chi dichiara di avere zero

E’ stato introdotto alla fine del 2013 dal governo Letta, e a quanto pare dopo un periodo di rodaggio quando è entrato in vigore ha portato i suoi frutti. Il nuovo ISEE, che si basa su nuovi criteri che aumentano l’importanza, per esempio, degli immobili posseduti e del reddito da affitto, ma che soprattutto prevedono un incrocio dei dati con l’agenzia delle entrate.

Anzi, viene fortemente limitata e quasi scompare l’autocertificazione, e i dati vengono forniti da INPS o Agenzia delle Entrate, appunto, o dall’Anagrafe Tributaria.

E’ quest’ultimo cambiamento che più di tutti ha prodotto una variazione enorme dell’esito della certificazione ISEE in sede di DSU, Dichiarazione Sostitutiva Unica, che contiene le informazioni di carattere anagrafico, reddituale e patrimoniale necessarie a descrivere la situazione economica del nucleo familiare con la quale si ottiene poi l’indicatore ISEE per la richiesta di prestazioni sociali agevolate per chi ha problemi di disabilità, di povertà, di accesso allo studio e altro.

Nuovo ISEE, calo dei nullatenenti cominciato già dal 2012

Secondo il report del Tesoro sui dati del 2015 emerge un crollo della percentuale di cittadini che dichiaravano patrimonio mobiliare nullo. Nel 2015 questi erano solo il 14,1%. Nel 2014 erano il 66,8%.

Negli anni precedenti erano ancora di più, sul 70% nel 2013, intorno al 75% nel 2012, e ben l’80% nel 2011.

nuovo isee, istogrammi di colori diversi

Il patrimonio mobiliare è quello che raggruppa conti correnti e libretti di deposito.

Nel 2011 quindi l’80% delle persone che chiedeva un DSU risultava senza neanche un conto corrente.

Un’evasione mostruosa, che come si vede ha già cominciato a vacillare quando si è cominciato solo a parlare di nuove modalità di controllo dell’ISEE, dal 2012, con un calo del 14%, fino al crollo del 2015.

Il valore medio dell’ISEE è salito da 6756€ a 14709.

Chiaramente tra i positivi invece la media è calata di circa 3500€, visto che gli ex nullatenenti hanno comunque denunciato cifre minori.

Anche la mediana è salita, da 0 a 2471, e soprattutto il terzo quartile, ovvero coloro che risultano più ricchi del 50% della popolazione, ma più poveri del 25% più ricco. Qui si passa da 2 mila € a 13192€

nuovo isee, tabella con cifre sull'ISEE

Nuovo ISEE, è al Sud il crollo maggiore dei furbetti, ora le dichiarazioni si avvicinano a quelle del Nord

E’ molto interessante osservare la distribuzione geografica delle distribuzioni ISEE e di conseguenza anche delle variazioni da un anno all’altro.

Il maggiore crollo avviene al Mezzogiorno: in Campania, Calabria, Sicilia si era al 90% di nullatenenti nel 2014.

Stridente il confronto con Friuli Venezia Giulia e Toscana, dove si superava appena il 30%.

Con il 2015 le differenze tra regioni si sono quasi annullate. In Campania, la regione che risulta più povera, ora risultano solo il 25% circa. Sotto il 10% al Nord.

E così si può osservare a destra il calo di questi nullatenenti nel 2015, trimestre dopo trimestre, man mano che aumentava la consapevolezza delle nuove procedure.

Di fatto al quarto trimestre del 2015 la percentuale di nullatenenti al Mezzogiorno e al Nord variavano di meno del 5%, nel primo trimestre di più del 15%

nuovo isee, istogrammi con divisione per regione

Le modalità di quantificazione del valore dell’ISEE cambiano ora in base alle agevolazioni richieste, se legate alla disabilità, allo studio, all’aiuto per la povertà, e così via.

Tuttavia non si sono riscontrati grossi cambiamenti nel reddito ISEE della media della popolazione, se non per la disabilità: nel 2015 al Sud erano il 70% circa i nuclei con ISEE sotto i 10 mila€, mentre nel 2014 sarebbero stati il 76%, nel Nord si è passato dal 59,2% al 56,9%.

Ha influito appunto anche la forte riduzione dei furbetti. Un piccolo passo nell’enorme lotta contro l’evasione in Italia

Condividi su

Pubblicità

La domanda del giorno

Presidenziali Usa 2016: Secondo voi chi ha vinto il secondo dibattito andato in scena ieri sera?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Rifiuti e raccolta differenziata: clicca sui bidoni e fai il quiz!

Quiz Rifiuti

Termometro delle Voluttà

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

#Cucchi: una perizia d'altri tempi

articolo scritto da:

15 comments
Hugo Bazarevič
Hugo Bazarevič

per combattere i finti poveri si sono inventati i finti ricchi

Elena Toschi
Elena Toschi

La definizione di terzo quartile è sbagliata. Per il resto, ottime notizie!! ^_^ Comunque fa stare male pensare a quanto era diffusa la falsa dichiarazione: una grossa fetta di italiani, potendo fregare il prossimo a proprio vantaggio, non ci pensa due volte e lo fa :-(

Aldo Russo
Aldo Russo

Questa gente ha rubato per anni ai più poveri ed ancora rimane impunita. Dov'è lo Stato?

Vito Casale
Vito Casale

E poi la colpa è tutta dei politici Kasta Kasta....stesse regioni dove andrebbe in larga parte il reddito di cittadinanza dei peppiani peraltro basato sul ISEE...

Bruno Vivi
Bruno Vivi

Devono aver sbagliato, Letta era stato mandato via perché non faceva nulla, o no?

Ciro Conti
Ciro Conti

Non sapevano più cosa condonare.. ora hanno trovato nuovi clienti.... alla faccia di chi lavora, paga le tasse, e non si può permettere un buco

Lina Garrone
Lina Garrone

Sarà ora che comincino anche a pagare le tasse

Mario Romani
Mario Romani

Tutto molto bello, sono sicuro che i frutti di questa lotta all'evasione si trasformeranno in servizi migliori e più efficienti per i cittadini italiani. Sì, sicuro.

Mario Romani
Mario Romani

Quindi è quel che c'è scritto, non necessita di esegesi.

Carlo Andrea Pattacini
Carlo Andrea Pattacini

Il primo problema dell'Italia è costituito dagli italiani. Italiani che esprimono ed eleggono la classe politica.

Vito Casale
Vito Casale

Grande idea del governo Letta complimenti !!! Una nazione di falsificatori isee. Però è sempre colpa dei politici ovviamente mai dei cittadini . Povera Italia

Mattia Orlandi
Mattia Orlandi

I politici non sono altro che lo specchio dei cittadini